Passa ai contenuti principali

Illustrakids 2013 - i mostri di Sendak


Tra una newsletter di groupon e una di crescita personale ho pescato un invito che stavo cestinando per sbaglio.

Gentile illustratrice, la invitiamo a partecipare alla mostra di illustrazioni sui mostri di Sendak.  Ecco l'email scriveva pressappoco così.

Ma chi è sto Sendak?  Chiedo a google che subito risponde con tutta una serie di immagini bellissime. Ecco i mostri. Ok compro anche il libro... 'scusi ma per caso c'è qualche ricorrenza legata a quest'illustratore?', 'E' morto l'anno scorso, signora!'.

Ho capito. Sono troppo fuori dal giro. Ma quale illustratrice e illustratrice, non sapevo nemmeno chi fosse Sendak. Perdonatemi. Farò la gnorri. E imparerò dai miei errori. Così, siccome il tempo stringe sempre, quando ho quei dieci minuti tra un 'Maaammaaa' e un piantino notturno, faccio qualche schizzo e provo a calarmi dentro la storia, sperando poi di fare in tempo a concludere anche l'illustrazione definitiva, ovviamente.

A me i mostri però non interessano più di tanto, spero non se ne abbia a male nessuno. A me piace di più lui, Max, il bambino della storia, che poi è il mostro più selvaggio di tutti. E' vestito da lupo/mostro, ha sempre gli artigli in mostra e doma tutti quegli altri selvaggi con la sola imposizione dello sguardo. Che dire? Qualunque drago sputafuoco, orco dagli occhi gialli etc sarà sempre da meno rispetto a lui. Tant'è che lo eleggono a re dei mostri. E infatti lo dicevo che mi faceva paura.


Quegli altri son tutti dei fantocci, sono finti, si vede, non fanno paura. Ma lui si, dietro quel travestimento  c'è un bambino che nonostante venga eletto re dei mostri, dopo un po' si annoia e vuole tornare a casa dalla mamma che gli aveva lasciato la cena pronta, in caldo.

Loro protestano: 'Ma come, noi ti vogliamo bene, ti vogliamo mangiare...', ma lui niente. Torna a casa, che la cena è in caldo, forse la mamma ha fatto le patate fritte e la cotoletta...

Non è mica facile fare il re dei mostri 365 giorni all'anno.

Post popolari in questo blog

Laboratorio di incisione su tetrapak (-6)

Mancano pochi giorni ormai al 25 novembre, data fissata per il laboratorio di incisione su tetrapak a tema tarocchi:

L'invito è aperto a tutti quelli che sono curiosi di scoprire cose nuove e che vogliono dedicarsi ad un'attività manuale, a chi ha voglia di prendersi una pausa e pensare un po' a se stesso in modo creativo.

La stampa con tetrapak è una occasione facile e veloce per ritrovarsi con una propria incisione incorniciata in salotto o per regalare qualcosa di unico fatto con le proprie mani.

Partecipate!
https://goo.gl/forms/TnjR4N4CkAEIWktN2

Atelier del libro (rana), per piccoli artisti da 0 a 99 anni

E' accaduto. Un piccolo laboratorio di libro, un libro con zampette di rana che muove i suoi primi passi accompagnato da piccoli bambini e piccoli adulti che tra le sue pagine hanno racchiuso storie
personali e segrete. Storie di immagini, che a volte le parole sono troppo restrittive e hanno poche sfumature, storie di impronte, di tracce di foglie secche che formano un bosco, storie di montagne nere o di mostri mostroccoli, storie di ponti fatti di piccole pietre preziose, che ci sorreggono nel passaggio sopra fiumi di pietre nere, ma pur sempre preziose. E poi cacciatori, lupi, stelle ballerine. Difficile non emozionarsi, difficile condividere ogni singolo passaggio.

Ogni piccola rana che saltellava nello stagno, adesso è racchiusa nella propria custodia, ha un proprio nome che ogni piccolo bambino e ogni piccolo adulto gli ha dato. Non tutti possono vedere, e anche se vedono, non tutti possono capire.

Perchè le storie non finiscono alla fine delle gambe di rana di ogni libro, …

Moodboard di compleanno

Si avvicina, lento e inesorabile, il compleanno di una delle due scimmie urlatrici. Fino ad ora non avevo prestato molta attenzione alla questione, Il primo anno c’erano i nonni e gli zii, il secondo c’eravamo noi e poi il centro gioco. 
Quest’anno ci sarà sicuramente il nido, ma poi mi piacerebbe festeggiare anche a casa. No, non è che sia impazzita e voglia invitare bambini scalmanati con annessi genitori (che poi diventa un baby parking e non si riesce nemmeno a fare due chiacchiere), almeno non fino a che non mi sarà e-spli-ci-ta-men-te richiesto, però mi piace l’idea di rendere quel giorno “speciale” al di là di tutto, e iniziare la scimmietta alla creazione e al rispetto dei riti. Tutto qui.
Per raccogliere le idee, visto che mi sfuggono, tiro fuori dal cilindro magico laMoodBoard o, più semplicemente, lavagna emozionale. I designer usano questo "metodo" per visualizzare/ordinare/tenereamente/focalizzare l'atmosfera emotiva da cui parte un'idea, che si concretiz…