Passa ai contenuti principali

Chi sono

Non so nemmeno perchè mettere una pagina in cui scrivo "chi sono". E' una vita che cerco di capirlo e a volte diventa imbarazzante quando mi chiedono "ma tu che fai?". Certo tra essere e fare c'è una bella differenza, è una questione di come ci si percepisce e di cosa si lascia che appaia.

A ventitrè anni ho cercato di fare l'illustratrice e ho anche illustrato un libro poi mi sono persa per strada, ho continuato a disegnare e provare ad illustrare dei libri ma evidentemente non fino in fondo e comunque sono sempre in tempo per riprovarci.

Ho iniziato a lavorare come grafica con il boom dei siti internet, quindi conosco il codice, css e i programmi di grafica. Continuo a lavorare come graphic designer perchè ora si dice in inglese e fa figo pure metterlo in italic

Nel frattempo il mio amore e la mia frustrazione relativi all'espressione di se stessi mi hanno portato a fare un percorso per diventare arte-terapeuta presso l'Art Therapy italiana.

 Ho lavorato con i bambini delle elementari che vivevano a loro volta situazioni faticose in famiglia, a scuola, o con se stessi. Ho lavorato con gli anziani e alcuni di loro avevano l'alzheimer, è stato molto emozionante. Ho seguito una bimba autistica e ho avuto la fortuna di poter osservare un po' il suo mondo. Anche qui mi sono fermata per ora. Non perchè non abbia voglia ma perchè devo mettere in gioco tutta me stessa e in questo momento mi crea frustrazione.

Sto costruendo una famiglia. Con l'uomo con cui divido la vita e le nostre due piccole pulci. Almeno ci provo. Ed è dura capire che famiglia vuoi. soprattutto se la vuoi diversa da quella di origine, non perchè non vada bene, ma per il gusto di vedere come fluisce la tua acqua nel mondo.

Ho aperto questo blog. Per chiarirmi le idee, credo. Perchè magari mettendole nero su bianco posso avere un altro punto di vista. E poi per fare pace con la mia parte creativa, con la bambina interiore, dipende come la chiamate, con la mia energia.

Ringrazio sin da ora chi vorrà accompagnarmi anche solo per un piccolo pezzo di strada.

Post popolari in questo blog

Atelier del libro (rana), per piccoli artisti da 0 a 99 anni

E' accaduto. Un piccolo laboratorio di libro, un libro con zampette di rana che muove i suoi primi passi accompagnato da piccoli bambini e piccoli adulti che tra le sue pagine hanno racchiuso storie
personali e segrete. Storie di immagini, che a volte le parole sono troppo restrittive e hanno poche sfumature, storie di impronte, di tracce di foglie secche che formano un bosco, storie di montagne nere o di mostri mostroccoli, storie di ponti fatti di piccole pietre preziose, che ci sorreggono nel passaggio sopra fiumi di pietre nere, ma pur sempre preziose. E poi cacciatori, lupi, stelle ballerine. Difficile non emozionarsi, difficile condividere ogni singolo passaggio.

Ogni piccola rana che saltellava nello stagno, adesso è racchiusa nella propria custodia, ha un proprio nome che ogni piccolo bambino e ogni piccolo adulto gli ha dato. Non tutti possono vedere, e anche se vedono, non tutti possono capire.

Perchè le storie non finiscono alla fine delle gambe di rana di ogni libro, …

Laboratorio di incisione su tetrapak (-6)

Mancano pochi giorni ormai al 25 novembre, data fissata per il laboratorio di incisione su tetrapak a tema tarocchi:

L'invito è aperto a tutti quelli che sono curiosi di scoprire cose nuove e che vogliono dedicarsi ad un'attività manuale, a chi ha voglia di prendersi una pausa e pensare un po' a se stesso in modo creativo.

La stampa con tetrapak è una occasione facile e veloce per ritrovarsi con una propria incisione incorniciata in salotto o per regalare qualcosa di unico fatto con le proprie mani.

Partecipate!
https://goo.gl/forms/TnjR4N4CkAEIWktN2

Incisione su tetrapak: un laboratorio

Perchè un laboratorio artistico di incisione su tetrapak che avesse come tema i tarocchi? Innanzitutto per sperimentare una tecnica che sembra inarrivabile, poco quotidiana. In questo senso assume un significato il tetrapak, materiale di riciclo che nelle nostre giornate abbiamo modo di trovare nei cosiddetti brik: del latte, dei succhi di frutta, della passata di pomodoro…

Un contenitore che diventa materia prima per contenere un’immagine, per raccogliere delle linee incise, dei graffi, che significano emozione che passa dal corpo per trovare una forma, una matrice pronta a sporcarsi di inchiostro per poi farsi racconto, storia che si ripete nella stampa.

La macchina della pasta è eredità culturale che rimanda alle nonne, a dei tempi lunghi di lavorazione, fatta con passione amorevole. Stampare la sfoglia giusta, ottenuta con la giusta pressione, con la giusta pulizia, quella che va bene per noi, richiede attesa e sperimentazione.

I tarocchi sono simboli universali, archetipi che non a…