Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2012

La stanza di Van Gogh

Ogni tanto mi perdo in esercizi di lettura dell'immagine. In realtà, più che esercizi sono storie che nascono guardando un'immagine, stati d'animo che mi suggeriscono i colori e gli spazi, anzi no, sono veri e propri piccoli viaggi esplorativi in luoghi inaccessibili.

Sono stata ad Arles qualche anno fa e c'era parecchio vento. Non so cosa c'entri, però mi ha colpito, così quando sento il vento penso ad Arles e a come tutto fosse scosso continuamente da questo vento incessante che portava aria e stordimento. Ero con Mr Liuk in un alberghetto in cima ad una salita. Tutto colorato. Ora che riguardo l'immagine di Van Gogh, un po' me lo ricorda.

Per iniziare il  mio piccolo viaggio ho deciso di ridisegnare il quadro (schizzarlo, più che altro) e sentire le emozioni che mi suggerivano i colori, le forme, gli spazi. Ho usato l'acquerello e non l'olio, quindi di già con questa scelta l'ho alleggerito un po', perchè forse non ce l'avrei fatta a …

The versatile blogger (e 7 cose su di me)

Avrete notato che venerdi non ero molto in forma. Ho scritto il post più come uno sfogo personale e forse non va bene perchè non ero per niente propositiva. Comunque mi ha fatto piacere ricevere un vostro sostegno e una nomination che è arrivata a fagiuolo a tirarmi un po' su.

GABha segnalato il mio blog tra i quindici che preferisce, e io la ringrazio infinitamente e inizio subito ad elencare sette cose su di me, così mi conoscete un po' meglio.



7 COSE SU DI ME (che mi piacciono, che mi ispirano...) Utilizzo le immagini perchè "parlano" meglio









E adesso l'elenco dei miei 15 awards in ordine sparso e con vari perchè:
http://www.quandofuoripiove.com/
http://mappementaliblog.blogspot.com/
http://www.anemoneincucina.com/
http://uhla-la.blogspot.com/
http://libreriacreativa.blogspot.com/
http://ungomitoloalgiorno.blogspot.com/
http://food4thought-blog.blogspot.com/
http://nicozbalboa.blogspot.com/
http://cambiandostrada.wordpress.com
http://stashmania.blogspot.com/
http://claudiafel…

Ricetta per gallina in fuga

Mi ero decisa a disegnare una ricetta. Perchè il post del venerdi volevo dedicarlo al disegno/schizzo/simili. Mi ero detta che sarebbe stato facile, che avrei potuto disegnare una vignetta o qualcos'altro, magari fare un'illustrazione... invece non ci riesco, non sono ispirata, vorrei ma non posso.

Ho scovato questa piccola prova di illustrazione in bianco e nero per una storia di Rodari che credo si intitoli "Il funerale della volpe". L'ho fatta ad un corso di illustrazione tenuto da Pia Valentinis e mi ricordo che mi sono tanto divertita a farla, perchè avevo questo cartoncino nero che si incideva e venivano fuori le forme delle galline in maniera molto spontanea.

Adesso ho difficoltà a disegnare, penso, perchè ho paura. Di cosa? Di essere legata a schemi culturali, a linee imposte a colori e ombre tecnici. E poi non penso di essere abbastanza brava più che altro non sono una che riesce a fare una sola cosa tutto il giorno.

Io poi vengo dal liceo classico, l&#…

Le mamme sono tutte "drogate"?

Nauseata e abbattuta dal virus gastrointestinale, mi ritrovo sola in casa, senza prole e senza Mr LiuK. Per un attimo mi sento persa pensando con senso di colpa al fatto che dovrei far qualcosa, sistemare un po’... poi spunta fuori una sensazione molto piccola che diventa quasi un’euforia. Sono sola, SO-LA! Lo realizzo mentre mi accingo a bere un te col limone, mio unico alimento di questi giorni e inizio con calma a sfogliare l’ultimo numero di Internazionale arrivato venerdi scorso. L’oroscopo di Rob l’ho già letto, le figure le ho intraviste, poi l’occhio mi cade  su una piccola rubrica che si intitola“Dear Daddy”, ma non è tanto il titolo quanto l’argomento: Sette giorni senza figli. Il giornalista Claudio Rossi Marcelli (ma perchè ci sono persone che hanno tutti sti cognomi? Firmarsi con due cognomi è una scelta personale o cosa?!?) risponde ad una mamma che soffre ad allontanarsi dai propri figli anche se  riconosce una propria sofferenza nel distacco, che è altra cosa rispetto …

San Valentino Vodoo

Si, sono ancora qui a parlare di San Valentino! No che non lo festeggio. Ma quest'anno evidentemente mi ispira nonostante gli autoboicottamenti. Quindi dopo la ricettina fatta con amore ma brutalmente ignorata da Mr Liuk, ho deciso di vendicarmi.

E ho trovato unworkshop che faceva proprio al caso mio! Tutte le streghe attorno ad un tavolo a cucire la bambolina vodoo per punire il loro amore, o per legarlo a sè per sempre.

Io ho scelto la seconda perchè so che sopportarmi non è facile e poi perchè preferisco nutrirmi d'ammore... e comunque con due figlie non sarei stata per niente credibile con in mano la fotina dell'ex!


Quindi ho costretto Mr Liuk a farsi con me medesima una fototessera in un posto veramente romantico e vintage . E' vicino la stazione SantaMariaNovella di Firenze e fa quattro scatti in b/n proprio come una volta.

Mi sono fatta accompagnare in una passeggiata romantica al freddo e al gelo fino al luogo del workshop e poi l'ho salutato, abbandonandolo…

"Questo vento agita anche me" e i miei disegni in bianco e nero

Oggi il vento non da tregua. E come canta la canzone, canticchio anche io tra i denti battono il freddo, che questo vento agita anche me.

E siccome questo stato di agitazione lo vivo ogni volta che c'è vento (ognuno ha le sue!) , sono andata a cercare nel dizionario dei simboli cosa vuol dire tutto questo vento che non smette di soffiare.

Il dizionario parla chiaro, il vento è il soffio e dal vento nasce la luce che ha come qualità la forma. Quindi il vento non ha forma, è aria che si muove in uno spazio e da forma a quello che incontra, perchè lo consuma, lo rompe, lo modella.

Secondo l'ordine cronologico della creazione è la prima creatura. E poi è primitivo, primordiale, non fa giri di parole. Soffia. E scuote.

E poi dice il dizionario che è di sostegno al mondo. Se ci penso bene è vero. Spingendoti avanti o indietro rompe il tuo equilibrio ma ti sostiene. Sembra che voglia spazzarti via ma in realtà ti tiene e spazza via il tuo equilibrio. Ecco perchè mi agita. Perchè spa…

Mini Tutorial - Il libro collage

Ecco a voi il tutorial per un libro fai da te. Con il collage e qualche ispirazione.

PROLOGO: Mi è capitata tra le mani l'opportunità di fare due libri collage per le scimmie urlatrici. Era un compito "assegnato" dalle maestre del nido, perchè nei momenti bui non sentissero troppo la mancanza della famiglia  e avessero un punto di contatto da guardare, da toccare... e... ci ho preso gusto.

Per far pace con la mia iniziale e paralizzante paura di non riuscire a riempire il foglio bianco in maniera decente, mi sono lasciata ispirare da un ritaglio di giornale in cui si vedevano i quadri di Mirò. Mi è venuto subito in mente un libro comprato tanto tempo fa, scritto da Pennac: "Il giro del cielo". La copertina raffigurava proprio lo stesso dipinto del ritaglio.

Ho preso in prestito alcune frasi del libro in cui ritrovavo il mio stesso mood (scusate, ma questa parola mi torna in mente per vari motivi in questi giorni), e le ho trascritte in parte direttamente sul ca…

Anticipazioni di Febbraio

Cari amici, ho un po' di post in testa e tra le mani e vorrei anticiparvi cosa succederà su momMade questo mese, sperando di riuscire a pubblicare tutto entro Febbraio/Marzo, chè Febbraio è piccolino!
Innanzitutto avrete unminiTutorial nuovo di zecca a cui sto lavorando in questi giorni.
Ho deciso di lanciarmi in post di approfondimenti su: Il collage, la tecnica, un po' di storia e utilizzi in arteterapiaLa teoria del pomodoro, ossia come lavorare focalizzati su un'attività, senza perdite di tempo. Si fa al lavoro... si può fare anche a casa? (Proverò per voi!) In tema di ispirazione: Dopo la inspira(C)tion board c'è bisogno di andare più nello specifico e provare a capire come si può utilizzare la mood board e in ultimo, se ce la faccio, una ricetta disegnata, ma non so ancora quale!
Cosa ne pensate di queste idee? Vi piacciono?
Ovviamente ,se volete ricevere gli aggiornamenti direttamente a casa vostra, abbonatevi ai Feed RSS, altrimenti tornate pure quando volete per…

San Valentino... in agrodolce

Chi non ha mai festeggiato San Valentino, (mancanza di "altrametà"o perchè odioqueifidanzatinichesembrasiaminodasemprepersempre) può capirmi. Non sono una iena, anzi sono anche leggermente romantica... ma certe cose troppo melense mi danno il voltastomaco.

Epperò quest'anno c'è un però. No, non festeggerò San Valentino, ma ho trovato un contest molto carino e siccome mi piace cucinare e,anche se non ho la pretesa di insegnare nulla a nessuno, ho unito le due cose e sto scrivendo l'antipost per eccellenza. Della serie, non c'entra niente con me eppure ci sono anche io!

Perchè? Per gioco. Perchè cambiare rotta ogni tanto fa bene, si vedono altri paesaggi e se ne possono inventare di nuovi.

Chiaramente mi sono ispirata a lui (l'uomo con cui divido la vita), ho pensato a cosa gli sarebbe piaciuto mangiare per il nostro ipotetico San Valentino e subito mi è venuto in mente il piatto che poi ho preparato per il concorso. Volevo fosse una cosa veritiera, fatta co…