Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2011

Mollate gli ormeggi - Tutorial

Mio padre mi faceva le barchette con i gusci di noce. Era bello. Mangiavamo le noci e facevamo le barchette con i gusci rimasti intatti. Ricordo la luce in cucina, la tavola apparecchiata e tutte le bucce sulla tovaglia.

Quando ho trovato in rete il tutorial per farle mi è venuto anche un po' da ridere... ho pensato che adesso si fanno i tutorial per ogni cosa. E' il bello di internet.

Comunque la pagina non la ritrovo più e siccome mi era rimasta la voglia di giocare con le barchette (e farci giocare anche le bimbe, s'intende!), sono andata a comprare le noci (francesi tra l'altro perchè dice che questa è stata un'annata brutta per le noci italiane) e ho provato a inventarmi il mio tutorial!

1 - Vi servono gusci di noce, colla a caldo o vinavil, colla stick, pezzettini di stoffa e stuzzicadenti.


2 - Create le bandiere incollando pezzettini di stoffa agli stuzzicadenti










3 - Riempite i gusci di noce con la colla a caldo (non ce ne vuole troppa) e infilate gli stuzzicade…

Per digerire...

Digerire certe giornate é proprio dura a volte. Ecco perché mi appunto questa ricetta dei biscotti digestives da fare appena possibile e regalare anche agli amici. Troverete la ricetta sia in inglese che in italiano!

Ma perchè non farli a forma di cuore e regalarli agli amici per Natale?Io mi ispirerei a questo video molto carino!

Palloncini sul soffitto

Avevo pensato di fare le palline dell'albero di Natale tutte di cartapesta con i palloncini.

Solo che, dove le appoggio quando ci metto la carta e la colla? Ecco perchè sono tutti appesi ad un filo e danzano a suon di soffi dal basso.

Non so se farò realmente le palline di cartapesta, ma so che i palloncini non li voglio togliere dal nostro mini salotto! No, neanche per sogno!

Libri leggeri

L'onda è un libro di cui mi sono perdutamente innamorata.

E' stato scritto e illustrato daSuzy Leee ne ho sentito parlare qui la prima volta. Quindi l'ho cercato in biblioteca dove l'ho trovato in francese... ma... poco male, visto che è senza parole! 

Mi piace raccontarlo alla mia primogenita e ogni volta la storia è un po' diversa, c'è un particolare in più o in meno da sottolineare.

Il tema potrebbe essere considerato molto semplice: Una bambina va a fare una passeggiata in spiaggia con la madre e gioca con l'acqua. Eppure da questa idea viene fuori un libro delicato, le cui immagini fanno ridere, sognare, tornare un po' bambini.

Già, perchè sarebbe un libro per bambini ma credo che gli "adulti" potrebbero giovarne altrettanto. Inutile dire che sono un po' invidiosa, questo è il tipo di libro che vorrei fare. Ma tant'è! Non ci sta mica bene l'invidia con la leggerezza, allora mi tengo la seconda.

Un tema per un mese

Ho bisogno di leggerezza. Così, senza tanti fronzoli e quant'altro. Quella che non sempre riesco ad avere quotidianamente tra me e me e poi anche con gli altri.

Allora (vi) comunico che da oggi fino al 22 dicembre, il tema del blog sarà quello della leggerezza... lo scrivo con "italic" perchè mi sembra più leggero anche lui.

Non so quali post vi e mi aspetteranno. Mi lascerò ispirare.

Mappa delle ispirazioni #1...

Ispirata dall'idea del Secondomè festival e da questo post è un po' di giorni che ho in mente di fare la mappa delle cose/persone/libri/film/canzoni/mestieri/animali che mi hanno dato l'ispirazione per la mia vita, per le scelte che ho fatto, o che non ho ancora fatto.

Ispirare sul dizionario etimologico si trova insieme alla parola inspirare e deriva dal latino in-spirare. La particella in sta per in, dentro, sopra e spirare vuol dire soffiare. Il significato letterale è quindi

soffiare sopra
Se sei ispirato quindi vuol dire che qualcosa o qualcuno ti hanno immesso un respiro, ti hanno dato la vita.
Allora perchè non fare una vera e propria mappa da appendere come un quadro? Che mi ricordi ogni giorno ciò che mi accompagna, mi sostiene e mi crea vita dentro?. Da guardare soprattutto nei giorni bui!

Progetti in corso

In questi giorni sto cercando di concludere alcuni progetti che erano fermi da un po'.
Il tempo é strano, a volte mi capita di fare mille cose in una giornata che non avrei fatto in un mese, altre volte mi partono mille progetti e idee ma non riesco a concretizzarne nessuno.

Cerchietto (o passata) - Tutorial

Un cerchietto fai-da-te facile facile?

Piove...

Che ci faccio qui?

Dei blog mi incuriosisce scovare il primo post, quello in cui ci si aspetta la "dichiarazione di intenti", quello che non l'avresti detto mai che poi sarebbe diventato un blog di successo. Non perchè abbia pretese di successo (almeno non per ora), ma giusto per il piacere di andare un po' a ritroso nelle storie e prendere coscienza che quando si parte non si sa davvero dove si arriverà.


Mi sono detta che anche io avrei dovuto scrivere un post del genere, non proprio per chi mi legge (e chi mi legge?) ma per me stessa, per fare il punto della situazione.

Cosa ci voglio fare con questo blog? Sono passata dalla fase "bisogna focalizzarsi su un solo argomento", a quella in cui mi sono detta che non era questo il blog e il tempo per trattare solo di qualcosa di specifico.

Mi sono ritrovata ad immaginarmi dentro lo sgabuzzino di Pippo, che quando lo apriva usciva fuori il mondo... ecco questo sarà molto probabilmente il mio ripostiglio zeppo di roba che sapevo di …